Subordinazione e autonomia: che cosa ha da dire l’Unione europea?

di Mariapaola Aimo -

Sinossi. L’A. ripercorre e analizza il processo di progressivo rafforzamento compiuto dalla Corte di Giustizia in relazione alla nozione unieuropea di lavoratore subordinato, che ha trovato spazio con riferimento sia a fonti dell’Unione che non contengono una definizione di lavoratore, sia a direttive che adottano una nozione sussidiaria, rimessa agli ordinamenti nazionali. Anche alla luce delle scelte compiute dalle più recenti direttive sociali, il compito della Corte di contribuire alla coerenza complessiva del campo di applicazione dell’acquis social rimane centrale.

Abstract. The essay analyzes the progressive strengthening process carried out by the CJEU related to the EU notion of subordinate worker, which has found place with reference both to Union sources that do not contain a definition of worker and to directives that adopt a subsidiary notion, remitted to the Member States. Even in the light of the choices of the most recent social directives, the Court’s task of contributing to the overall consistency of the scope of the social acquis remains central.