Prime indicazioni dell’INPS sulla prescrizione dei contributi dovuti dalle amministrazioni pubbliche.

di Redazione -

Si segnala l’interessante circolare INPS n. 122 del 6 settembre 2019, con la quale si forniscono, alle amministrazioni pubbliche iscritte alle casse pensionistiche della Gestione pubblica, le indicazioni relative alla prescrizione dei contributi dovuti, a seguito dell’entrata in vigore dell’articolo 19 del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26. Detto articolo rinvia al 31 dicembre 2021 l’applicazione dei termini di prescrizione, di cui ai commi 9 e 10 dell’articolo 3 della legge 8 agosto 1995, n. 335, delle contribuzioni obbligatorie afferenti ai periodi di competenza fino al 31 dicembre 2014.

La circolare chiarisce anche quali siano i destinatari delle disposizioni, ovvero: 1. le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative. Sono da comprendere nell’ambito degli istituti e scuole di ogni ordine e grado le Accademie e i Conservatori statali; 2. le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo; 3. le Regioni, le Province, i Comuni, le Unioni dei Comuni, le Comunità montane e loro consorzi e associazioni; 4. le istituzioni universitarie; 5. gli Istituti autonomi case popolari; 6. le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni; 7. gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali; in essi rientrano tutti gli enti indicati nella legge 20 marzo 1975, n. 70, gli ordini e i collegi professionali e le relative federazioni, i consigli e collegi nazionali, gli enti di ricerca e sperimentazione anche se non compresi nella legge n. 70/1975; 8. le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale; 9. l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN); 10. le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300.

La Redazione

Visualizza il documento: Circ. INPS 6 settembre 2019, n. 122

Scarica il commento in PDF