La nozione di «ripresa del lavoro» e la fruizione delle ferie fra diritti e obblighi del lavoratore allo scadere del periodo di comporto

di Silvia Ortis -

Sinossi. Traendo spunto dalla sentenza in esame, il commento, dapprima, ricostruisce la nozione di «ripresa del lavoro», rilevante ai fini dell’obbligo datoriale di sorveglianza sanitaria in ipotesi assenza del dipendente per motivi di salute superiore a 60 giorni. In secondo luogo, analizza le peculiarità del licenziamento per superamento del periodo di comporto e i limiti del diritto del dipendente di chiedere la fruizione delle ferie, in continuità con la malattia, al fine di evitare il superamento del periodo di comporto e la risoluzione del rapporto di lavoro.

Abstract. Taking its cue from the judgment in question, the commentary first reconstructs the notion of «resumption of work», which is relevant to the employer’s obligation to carry out health surveillance in the event that the employee is absent for health reasons of more than 60 days. Secondly, it analyses the peculiarities of dismissal for exceeding the respite period and the limits of the employee’s right to ask for leave, in continuity with the illness, in order to avoid exceeding the respite period and termination of the employment relationship.